sabato 8 ottobre 2011

FARE IL JAILBREAK DELL' IPAD 2 ...IN APPENA 15 SECONDI !!!

Molti lettori conosceranno gia' che cosa sia il  JAILBREAK, ma per chi non lo sapesse, precisiamo che (come da definizione wikipedia)  è il processo ad un dispositivo Apple che permette di installare meccanismi di distribuzione di applicazioni e pacchetti alternativi a quello ufficiale dell'App Store.





 Dopo aver effettuato il jailbreak al proprio dispositivo gli utenti possono infatti installare numerose applicazioni altrimenti non disponibili tramite l'App Store attraverso applicazioni non ufficiali come CydiaIcyRock e Installer. Cydia è l'applicazione più diffusa mentre Icy ed Installer sono ormai ufficialmente non più supportati dagli sviluppatori ed ormai usati più raramente.


Detto questo vediamo come procedere ad effettuare il jailbreak dell' IPAD 2 , facilmente ed all'incirca in 15 secondi:





Basta andare con Safari su www.jailbreakme.com, cliccare free e poi install, contare fino a quindici e appare l’icona Cydia. Da quel momento in poi, il dispositivo è sbloccato e pronto.


Il jailbreak proposto da Saurik/Comex va bene per i dispositivi (anche iPhone 4) con iOS 4.3.3. 



Per evitare problemi di sicurezza con i file pdf, Geekissimo consiglia di installare subito il pacchetto Cydia PDFpatcher2. Anche questa operazione porta via soltanto qualche secondo, più il tempo necessario per riavviare il dispositivo.
Dopo lo sblocco, iPad 2 andra' come il vento, senza rallentamenti percettibili. Finalmente sara' possibile installare applicazioni che non si trovano nel negozio ufficiale Apple.


Voglio sottolineare che il jailbreack e' una operazione Legittima, la normativa americana infatti prevede che, tutto cio' non va per nulla a ledere le opere protette da copyright.


E’ illegale, invece, scaricare applicazione cracckate, ma questo lo sapevamo gia'. Apple comunque fa problemi con la garanzia. Dunque, se il dispositivo va in crash per qualche motivo, è bene ripristinare le condizioni originali, prima di rivolgersi all’assistenza.



Nessun commento:

Posta un commento