giovedì 22 settembre 2011

COME INTERCETTANO UNA TELEFONATA !!!

Non passa giorno in cui i Telegiornali non riportino notizie di scandali e sexy-gate, che coinvolgono esponenti della Politica Italiana, ma anche Imprenditori, e Personaggi dello Spettacolo.



Il sistema piu' utilizzato dagli inquirenti e' senza ombra di dubbio: L'Intercettazione Telefonica.

Sistema discusso e ridiscusso, su cui non si riesce a fare chiarezza e sopratutto  una legge valida che medi, tra necessita' delle indagini e salvaguardia della Privacy.

Ma vediamo con piu' precisione, che cosa si intende per Intercettazione Telefonica e quali sono le tecniche utilizzate:



Intercettare una telefonata, tecnicamente, significa porsi tra due interlocutori e ascoltare la conversazione a loro insaputa. Farlo non è facile, perché ogni telefonata è protetta da una tecnologia che la rende comprensibile solo a chi ha la "chiave", ossia un codice molto complesso.


 Quindi, si può dire che l'intercettazione si compone di due distinte fasi: nella prima si cattura il segnale codificato, relativo alla chiamata, mentre nella seconda lo si traduce.


 Quando l'intercettazione è ufficiale, per catturare il segnale l'investigatore si aggancia alla rete telefonica, sfruttando cavi e appositi apparecchi. Gli appassionati di vecchi telefilm polizieschi ricorderanno il classico camioncino con un filo che partiva dal tettuccio e lo collegava ai cavi telefonici. Al suo interno, tecnici dotati di cuffie ascoltavano tutto l'ascoltabile. Adesso le cose sono leggermente diverse, anche perché le telefonate si fanno quasi esclusivamente tramite telefonino, ma il principio è più o meno lo stesso. Anzi, per certi versi smascherare l'intercettazione di dispositivi mobili è ancora più difficile, perché si possono usare potenti antenne in grado di catturare le telefonate senza nemmeno muoversi dall'ufficio.

Una volta registrato il segnale, questo viene decodificato, sfruttando software speciali che individuano la relativa chiave e, quindi, la usano per ottenere una conversazione comprensibile. Dunque, la parte più complessa dell'intercettazione è trovare la chiave di decodifica. Ma è pur vero che, per le investigazioni ufficiali, l'operatore telefonico collabora con le autorità rendendo tutto molto più semplice. Diverso il discorso, ovviamente, per le intercettazioni non ufficiali, e dunque in genere illegali.

In questo caso ci si arrangia da sé, sfruttando apparecchi che ci si costruisce oppure molto costosi.



 Si tratta di centraline pronte a convogliare il segnale telefonico e registrarlo su un disco fisso interno, o trasferirlo direttamente in un computer. A questo punto, si utilizzano dei softwareper la decodifica. Non si tratta di programmi difficili da reperire: per esempio, se il segnale è di tipo GSM, esiste il software open source Kraken, che tra l'altro richiede un PC di modesta potenza per decriptare la telefonata in tempi ragionevoli. 


C'è poi AirProbe, che accoppiato a un telefonino modificato, è uno strumento d'intercettazione con pochi rivali. Di più semplice utilizzo sono i programmi da installare su smartphone-spia che, se utilizzati dalla vittima, consentono di spiarne messaggi, e-mail, spostamenti e, in alcuni casi, chiamate. Sono programmi da installare, appunto, sul telefonino che si vuole tenere sotto controllo, quindi farsi beccare è molto più facile (e pericoloso). Trovarli, però, è facilissimo: uno dei migliori è Mobile Spy e si acquista online.

Nessun commento:

Posta un commento